Banca Dati CEI A

Censimento dei beni architettonici

L'Arcidiocesi di Trento sta concludendo in questi mesi il progetto di inventariazione degli edifici di culto soggetti al vescovo diocesano. L'iniziativa si inserisce nella cornice del programma elaborato dall'Ufficio Nazionale Beni Culturali Ecclesiastici (UNBCE) della Conferenza Episcopale Italiana denominato Censimento delle Chiese delle Diocesi Italiane. Esso costituisce la prima fase dell'inventario dei beni architettonici che, nel tempo, dovrà interessare l'intero patrimonio immobiliare di proprietà delle diocesi e degli enti soggetti al vescovo diocesano (chiese, seminari, episcopi, ecc.).

Il Censimento dei beni architettonici nella Diocesi di Trento ha prodotto fin'ora 1160 schede, di cui 1 battistero, 152 cappelle, 1000 chiese (450 parrocchiali, 18 conventuali, 7 santuari, 462 sussidiarie), 3 oratori, 3 palazzi di rilevanza diocesana.

Il Censimento delle Chiese ha lo scopo di delineare un quadro conoscitivo aggiornato dei luoghi di culto di proprietà ecclesiastica attraverso una schedatura essenziale, agevolando l'attività di programmazione degli interventi sugli stessi e per la loro gestione e tutela.

L'attuazione del censimento, affidata ad una selezionata équipe di professionisti, si avvale di un software utilizzabile on-line che consente di inserire e organizzare sistematicamente tutti i dati e le immagini digitali relativi agli edifici oggetto di schedatura. Le schede della Diocesi di Trento sono consultabili, attraverso la maschera di ricerca guidata, al sito: www.beweb.chiesacattolica.it/edificidiculto/

Cos'è il BeWeb

BeWeB - acronimo di beni ecclesiastici in web - è un'iniziativa promossa dalla Conferenza Episcopale Italiana e realizzata dall’Ufficio Nazionale per i Beni Culturali Ecclesiastici (UNBCE) della Segreteria Generale della CEI.

Il progetto affonda le sue radici nei progetti: Inventario dei beni storici e artistici (progetto CEI-OA), Censimento dei beni architettonici (progetto CEI-A), Riordino e inventariazione informatizzata degli archivi ecclesiastici (progetto CEI-Ar), Catalogo collettivo delle biblioteche ecclesiastiche italiane (progetto CEI-Bib), Anagrafe degli istituti culturali ecclesiastici (progetto AICE), promossi e coordinati dall'UNBCE in ottemperanza dell'Intesa firmata tra Stato e Chiesa nel 2005 (che sostituisce quella precedente del 1996) e realizzato autonomamente dalle diocesi e dagli istituti culturali, uniche garanti della scientificità del lavoro.