Io sono con voi tutti i giorni: l’Eucaristia, il dono più grande di Gesù

Tra le tante domande dei bambini, è facile ascoltarne una di questo tipo: "La mia catechista, preparandomi al giorno della mia Prima Comunione, mi ha detto che Gesù è presente nell'Eucaristia. Ma come? Io non lo vedo!". "Gesù, non lo vediamo, ma ci sono tante cose che non vediamo e che esistono e sono essenziali. Per esempio, non vediamo la nostra ragione, tuttavia abbiamo la ragione. Non vediamo la nostra intelligenza e l'abbiamo. Non vediamo la nostra anima e tuttavia esiste e ne vediamo gli effetti, perché possiamo parlare, pensare, decidere ecc... In una parola, proprio le cose più profonde, che sostengono realmente la vita e il mondo, non le vediamo, ma possiamo vedere, sentire gli effetti. Quindi, non vediamo il Signore stesso, ma vediamo gli effetti: così possiamo capire che Gesù è presente". (Benedetto XVI ai bambini della Prima Comunione). "Io, infatti, ho ricevuto dal Signore quello che a mia volta vi ho trasmesso: il Signore Gesù, nella notte in cui veniva tradito, prese del pane e, dopo aver reso grazie, lo spezzò e disse: "Questo è il mio corpo, che è per voi; fate questo in memoria di me". Allo stesso modo, dopo aver cenato, prese anche il calice, dicendo: "Questo calice è la nuova alleanza nel mio sangue; fate questo, ogni volta che ne bevete, in memoria di me" (1 Cor 11, 23-25).

 

Come si sviluppa l'incontro?
Partendo dall'analisi di due dipinti e dalla lettura dei Vangeli ai quali si ispirano, eventualmente adattati a seconda dell'età dei partecipanti, seguiremo il percorso che, dal momento dell'Ultima cena di Gesù con i suoi discepoli, attraverso l'interpretazione che la Chiesa ha elaborato nel tempo, porta fino alle nostre chiese e alle nostre celebrazioni. Conosceremo, inoltre, alcuni degli oggetti legati alla celebrazione e al culto eucaristico, oggi conservati nel museo. E' previsto un momento alla cappella eucaristica del Crocifisso in Cattedrale, dove si terminerà con una preghiera.

 

Fascia d’età suggerita: 8-9 anni

 

Obiettivi didattici:

- riconoscere l'iconografia tipica dell'Ultima cena e quella dell'Istituzione dell'Eucaristia

- analizzare e ricavare approfondimenti da differenti tipologie di fonti

- conoscere importanti testimonianze d'arte cristiana per rilevare come la fede sia stata interpretata dagli artisti nel corso dei secoli

- creare un collegamento fra il museo e la chiesa Cattedrale e fra il museo e la chiesa o la parrocchia di origine del gruppo

- stimolare l'apprendimento dei contenuti di fede da parte dei ragazzi attraverso una ricerca personale attuata sul campo